#NMHumanStories La sonrisa de la independencia

_DSC8458Quando pensiamo all’America immaginiamo qualcosa di totalmente opposto a quello che viviamo qui. Almeno io e Noè abbiamo sempre desiderato scoprire cosa ci fosse aldilà del mare, a prescindere dalle mode è certo. In vita mia mai avrei immaginato che ci potesse essere qualcuno nel continente americano desideroso di scoprire l’Italia.
Noè conosce Oscar da un po’, io da circa due settimane o forse tre, nonostante il suo carattere mi fa pensare di conoscerlo da almeno 5 anni. Si sa, io ho una concezione del tempo strana un po’ come la concezione di distanza. Bando alle ciance, insomma anche con Oscar mi parte l’ego delle mille domande durante la cena di Natale. Scopro che è sudamericano, anzi venezuelano per precisione e la sua è una storia incredibile. Potremo definirla una storia d’amore, un “Via col vento” a colori dai.

_DSC8486Oscar arriva a Firenze per fare una vacanza, da subito rimane letteralmente folgorato dall’Italia. Un po’ se la immaginava, ma mai avrebbe pensato che averebbe rispettato tutti i canoni del suo paese dei sogni. Nemmeno mette piede nel centro della bella città toscana, che già si sente a casa, al sicuro.
“Sapete, io considero gli italiani i sudamericani d’Europa. Scherzosi, allegri, a volte ci rivedo i colori del Venezuela. Peccato che non posso rivederci i fantastici weekend in spiaggia!”[ride] Inutile descrivere la mia faccia in quel momento, è come se mi avesse detto che sono la BELEN ROMANA! Io e Noè ci ispiriamo continuamente ai paesi ispano-americani, lasciandoci cullare dai balli e dai suoni di un paese che immaginiamo sempre in festa.

_DSC8488

“Per me l’Italia è stato un richiamo, sentivo che la mia strada era qui. Quindi decido di rimboccarmi le mani e trasferirmi. Una scelta un po’ dura perché sono molto legato al mio paese, ma io nell’azienda di famiglia non mi ci immaginavo. Una vita sedentaria, lontana da un posto del quale mi ero perdutamente innamorato.”
Oscar ha ispirato il nostro viaggio di intercultura non solo per le sue radici e la giovane età, ma anche per il suo stile e la sua concezione di moda: “Oggi lavoro come agente di viaggi, l’Italia mi ha dato quel bisogno di indipendenza che avevo dentro di me. Mi sono appassionato alla moda ancora di più, analizzandone anche alcuni dettagli. La moda parla italiano e gli italiani parlano attraverso la moda.”

II/III

Federica e Noè