#Manuela Briga presenta “Il Rumore dei Sogni”

Ho avuto modo di ascoltare una delle ultime uscita discografiche, intitolato “Il rumore dei sogni”, firmato Mattia Briga. Il giovane cantautore ne ha fatta di strada da quando nel 2015 si è fatto conoscere da una grande fetta del pubblico italiano grazie al talent show “Amici” di Maria De Filippi, diventando ormai un volto noto della musica italiana. Recentissima è la sua partecipazione al Festival di Sanremo insieme a Patty Pravo, con il singolo “Un po’ come la vita”. Poco dopo la partecipazione al Festival più importante della musica italiana, è uscito il suo ultimo lavoro discografico, intitolato “Il rumore dei sogni”. In questa ultima produzione, Briga ha voluto fare un piccolo bilancio del suo percorso fino ad ora, infatti è una raccolta contenente tre inediti (compreso quello del Festival), 11 singoli tra i suoi più noti, e 7 brani in versione live, anche questi tra i più conosciuti della sua discografia. Briga è un artista che apprezzo molto per il suo modo di scrivere, molto diretto e senza filtri, dal quale si può intravedere la sua anima, a mio parere molto profonda, e anche chi si approccia a lui per la prima volta, può notare la crescita musicale che ha permesso la sua evoluzione nel corso di questi anni. In questa raccolta, infatti, è ben visibile l’evoluzione che il percorso musicale di Briga ha subito nel corso degli anni, ottenendo un risultato sempre più consapevole e maturo. Si è cimentato in mondi anche diversi, ben distanti da quelli che all’inizio si potevano immaginare per lui, ma allo stesso tempo sempre coerenti con la sua personalità e le sue sfaccettature. Il mio consiglio è di ascoltare in maniera attenta questa raccolta, soffermandosi sui testi, sulla musica, ma anche sulla stessa interpretazione dell’artista che non solo racconta, ma ti fa immergere completamente nel testo, come se si potesse farne parte. A tutti coloro che non lo hanno mai ascoltato, consiglio di approcciarsi a questo artista proprio attraverso questo album, a chi invece come me, da sempre lo ha apprezzato, consiglio di ascoltare questo lavoro per rivivere il suo percorso ed emozionarsi ascoltando i suoi più grandi successi.