#ClaudiaCantisani “Non inizia bene neanche questo weekend”

Dopo Storie d’amore non troppo riuscite (Crocevia di Suoni Records, 2013) la vocalist e compositrice, laziale di nascita ma lucana d’adozione, torna sulla scena musicale con un album scintillante, in cui sembrano convivere alchemicamente ricercatezza testuale e immediatezza evocativa, retrospettiva nostalgica e lungimiranza, spleen e leggerezza. Il physique du rôle e lo smalto vocale della Cantisani vestono nove pezzi (più-a chiusura del disco- una reprise corale de Il mio vecchio coupè) dalla forte vis cinematografica, magistralmente arrangiati da Felice Del Vecchio, che è anche coautore dei brani (unica eccezione Dimenticare il flamenco, firmata da Marcello Barillà).

 

CC_611.jpg

 

Ciao Claudia, che piacere ospitarti su One&Only! Quando hai iniziato a fare musica?
Ciao Fede, grazie mille per lo spazio che hai voluto dedicarmi. Ero un’adolescente scalmanata, vivevo in un piccolo paese e per non prendere una cattiva strada ho iniziato a fare musica formando una band in un garage!!!!!

Come descriveresti il tuo genere?
Non saprei dirti, sono cresciuta amando la canzone d’autore. Credo molto nel peso delle parole. Tendono a descrivermi come una voce molto swing, una canzone d’autore “swingata” potremo dire perchè no?

L’album ha un titolo molto particolare, cosa volevi raccontarci veramente?
“Non inizia bene neanche questo weekend” si lega a questo mio vivere in quel paesino della Basilicata, dal quale mi sono staccata solo 2 anni fa per approdare a Milano. Sono canzoni leggere, rese professionali anche grazie ai grandi musicisti che mi hanno accompagnata! C’è una raccolta di un periodo “mio”, storie e personaggi grotteschi e che magari, invece alla fine, si sono rivelati carichi di poesie.

Cosa vedi nel tuo futuro? Ci sono progetti particolari?
Nel futuro vedo me che vivo a pieno la bella Milano, magari lasciandomi ispirare al massimo per qualche progetto musicale futuro. Voglio godermi questa città immensa e che tanto ho sognato “cantandomela e suonandomela”!