#DeLaRuè “Barche Controcorrente”

image5.jpeg
«Gonna take some time to do the things we never had»
«Cantavano  nei celebri 80s I “TOTO IV “ con il brano “Africa” inneggiando alla scoperta di quel mondo lontano e inesplorato sperando solamente di avere   del tempo per fare quel qualcosa che non avevano mai fatto ovvero : evadere! , evadere da una cultura di massa che però allo stesso tempo era affascinata dal quel concetto di Africa , che come lo sfondo nei dipinti di Friedrich , rappresentava l’infinito. Se oggi questa caratura romantica si sia persa nel labirinto delle virtù dell’ umano medio aspirante mediamente ,appunto, ad  un’evasione dal ceto sociale  (in cui la lotta di classe non si limita a fare da sfondo) piuttosto che da quella materiale ed intellettuale del popolo giovani di Woodstock e del 68’s .
Vorrei parlarvi anche di come abbiamo interpretato questo set fotografico partendo dalla modella , ragazza umile e talentuosa marchiata nei lineamenti e nel modo di fare da una cultura urbana postapocalittica .Accosterei Olivia a collezioni di designer come Rei Kawakubo o Alexander MCQeen , ma che si trova in uno scenario totalmente fuori luogo rispetto al panorama Urbano a cui è abituata.
Un fotografo ,Giulio, tecnico e preciso che riesce a cogliere ogni minimo contraccolpo psicologico dato dal cambio di ambiente  che subisce la modella.
In tutto questo c’è il mio staff che dirige e mi aiuta a creare in quel paesaggio mozzafiato, non molto lontano da casa  , attimi di quella bellezza in cui il  movimento umano che Olivia rappresenta come una Ballerina dell’ Operá de Paris ci impressiona raccontandoci una storia banale quanto profonda allo stesso tempo : un gruppo di ragazzi che evadono da una giungla urbana e che in quelle insenature, a pochi chilometri lontani dall’inferno,  Si affacciano a picco sul mare e guardando un tramonto rosso Valentino sognano l’Africa , quell’evasione intellettuale che tanti immaginano e pochi realizzano  per paura di rischiare nella propria vita .Cosi continuano a galleggiare , come boe appese al fondale ,   Osservando il viaggio di intrepidi Marinai pronti a salpare
Verso lo sconosciuto Infinito… »
Lorenzo Agati
Issue 0
“Viaggiando Verso l’infinito “

Questo slideshow richiede JavaScript.