#VeronicaSorrentino Diario di un’ambiziosa sognatrice

Ciao a tutti e ben ritrovati 😘
Vi lasciai con il racconto della settimana scorsa che la notte sarebbe stata pazzesca e così fu!
Quando rientrammo la sera in albergo stanche ma allegre per la bella serata passata tutti insieme, c’era una brutta sorpresa ad attenderci… dadà🎶. Ne io, ne Anna, ne Aurora, ne Emily avevamo chiuso le finestre prima di uscire e al ritorno trovammo la stanza infestata dagli insetti notturni. Aiutooooo, che fare? Potevamo scappare, ma poi dove si dormiva? Quindi non avevamo scelta e optammo per combatterli e distruggerli, ma come? Non avevamo armi, quindi ideammo una strategia casalinga con quello che avevamo in camera. Prendemmo tutti gli asciugamani del bagno a nostra disposizione, uno lo mettemmo in testa a mo di casco, perché così gli insetti non ci sarebbero cascati nei capelli puliti e un altro in mano, cominciammo a schiacciarli, la stanza era infestata, tra risate, urla e “insetticidio”, ci siamo comunque schiantate dalle risate 😆. Marco era contrario a questa guerra, lui è un pacifista 😁 ma ormai la camera era diventata un campo di battaglia, Marco continuava a urlarci di non fare casino e di smetterla, di stare attente a non rompere questo e quello, perché altrimenti c’è lo mettevano sul conto. Ma noi imperterrite continuavamo a sbattere i teli al muro. Fu una battaglia estenuante, alla fine non abbiamo nemmeno capito se eravamo riuscite a sterminare il nemico. Era tardi ed eravamo esauste, alla fine ci siamo arrese e ci siamo messe a letto, ma con il lenzuolo tirato fino alla testa per paura che gli insetti rimasti ci venissero addosso durante il sonno
La mattina alle 9,00 quattro Zombie si aggiravano nell’albergo dirette alla sala per fare colazione, ma prima siamo andate a chiamare Marco, anche lui era cotto !
Durante la colazione ci siamo organizzate la mattinata, abbiamo deciso di andare un po’ al mare e dopo a fare un po’ di shopping. Quindi siamo andate a liberare la stanza, perché ahimè la sera si tornava a casa. Ci siamo infilate il costume, portato le valigie in macchina e ci siamo dirette in spiaggia. Li siamo rimaste a prendere il sole fino alle 12
Per poi spostarci verso il centro, dove c’erano negozi con cose veramente carine da acquistare. È stata una mattinata molto simpatica, ma più tardi ci è venuta fame e ci siamo dirette ad una piadineria tipica della zona per mangiare una ricca piadina romagnola. Alle 15 ci siamo dirette al palazzetto perché c’era ancora Cristal che doveva gareggiare era l’ultima atleta del nostro gruppo che doveva gareggiare.
Abbiamo tifato per lei, ed è stata veramente brava Complimenti a lei . Dopo la gara ci siamo messi in macchina per dirigerci verso casa, ci aspettava un lungo viaggio non per i Km ma perché ovviamente il traffico era intenso, quello sull’Adriatica non manca mai.
Abbiamo comunque occupato tutto il tempo del nostro viaggio con scherzi e canti urlati a squarciagola, risate a crepapelle, in certi momenti riuscivamo anche s far sorridere le persone delle macchine che ci scorrevano accanto, ma non solo siamo riusciti a indignarne qualcuno 😂. Dopo ore e ore di viaggio sono riuscita ad arrivare a casa stanca morta, la doccia il letto è un lungo sonno fino al giorno dopo alle 12.00. Finalmente un po’ di recupero e sano riposo.
Purtroppo il muscolo “dell’anima”, lo Psoas non si è scordato di farsi sentire. È stata una settimana di rinunce agli allenamenti ma tante sedute dal fisioterapista sportivo. Fatto sta che giovedì ho dovuto rinunciare ad un servizio di foto per un libro, mi è dispiaciuto, ma non potevo fare altrimenti, avevo timore che non rendessi e ho preferito con l’umore così rinunciare. Al posto mio è andata un altra ragazza che conosco è sono stata felice per lei. Sono rimasta a casa ho dormito e mi sono riposata 🤪 ero veramente stanca.
La scuola questa settimana è stata molto soft essendo l’ultima. Un po’ di relax dallo studio mi ci voleva. Ho sperato venerdì di non rinunciare ad un altro shooting con il fotografo Gianni Mattonai, programmato da tempo, per fortuna sono stata molto meglio e sono potuta andare. Eravamo io Alessio Scarvaci e Lavinia Turini. Era tutto organizzato nei minimi dettagli da più di un mese. Il meteo ci ha giocato un brutto scherzo 🙃 come sta facendo da tempo, non ci fa capire più nulla del clima e non ti puoi fidare . Quindi dopo poco che eravamo fuori la pioggia ci ha siamo costretti ad andare in studio, ma ci siamo divertiti lo stesso. E Gianni anche se non era in forma come diceva lui, era amareggiato semplicemente perché ha dovuto rinunciare al progetto iniziale. Alla fine è riuscito a fare degli shoot memorabili 😉. Ma oltre alle immagini catturate da Gianni di noi tre di quel pomeriggio, sono sicura che quello che rimarrà per sempre, sarà l’intesa che ormai c’è tra noi ragazzi e il bene che ci vogliamo, sarà per sempre indelebile nei nostri ricordi. Dopo quel divertente shooting non ci siamo salutati, ma insieme siamo andati a mangiare Giapponese. Quando possiamo io e Alessio ci andiamo, Lavinia non c’era mai stata e ci è piaciuta l’idea di portarla con noi. È stata buffa vederla alle prese con le bacchette e all’incontro di quei piatti nuovi che si trovava davanti ma che ha mangiato e apprezzato. Dopo l’abbuffata della cucina Nipponica, ci siamo tutti e tre trasferiti, nel giardino di casa mia, dove siamo stati a cantare e a rilassarci mentre si aspettava la mamma di Lavinia che venisse a prendere entrambi per portarli a casa. Devo dirvi che sono molto emozionata, perché la settimana prossima è vicina e io e Alessio faremo una bella esperienza 😍. Ma per ora sarà un segreto. Anzi io di eventi belli la prossima settimana ne ho due è solo questo posso dire, posso solo esprimere la mia gioia per ora 😍. Sabato come sapete è il mio giorno preferito, la scuola è durata poco meno di due ore, si è trattato solo di salutarci e fare colazione tutti insieme a festeggiare l’anno appena terminato. Intanto Il meteo ha continuato a burlarsi di me, dovevo andare in piscina con tutti gli altri, ma c’era vento ed era nuvoloso ⛅ c’è stato un tira e molla se andare o meno, mamma non voleva che ci andassi ora che comincio a stare meglio con la schiena aveva timore di ripercussioni, non sentiva le mie ragioni, che tanti compagni erano andati. Insomma abbiamo avuto anche un diverbio 😫del quale ci siamo dispiaciute entrambe, ma a volte si litiga come succede a tutti, certe situazioni alla fine come nel mio caso, ti fanno avvicinare ancora di più e ti fanno ricordare quanto ci si vuole bene. Quindi sono rimasta a casa con lei a parlare e a fare progetti per le prossime vacanze. Abbiamo parlato della Spagna chissà se ci andiamo 😋, sarebbe veramente bello la penisola Iberica mi ha sempre attirata anche lo spagnolo, dopo un po’ sono uscita qualche oretta li vicino casa con le mie vecchie amiche, dopo cena ci siamo ritrovati al parchetto è stato un sabato sera tranquillo, sono rimasta a casa perché ho fatto una promessa a mamma e non potevo non mantenerla, ma va bene così, avrò modo di uscire nei prossimi giorni nelle prossime settimane c’è tempo tutta l’estate 😍 Oggi domenica andremo al mare molto probabilmente, finalmente è cominciato il periodo più bello dell’anno Libertà, amici, divertimento, mare, e tante tante altre cose. È arrivata l’estate ❤
Buona Domenica a tutti un abbraccio
Veronica 😘