#TonyMaiello ci regala un altro “Spettacolo”

E’ un grande piacere oggi potervi presentare uno dei miei idoli, TONY MAIELLO. Prima di lasciarvi alla sua intervista, vorrei dirvi perché Tony merita di essere considerato “idolo” e vi assicuro che la sua bellezza c’entra solo in parte! Questo cantante è l’esempio vivente di come il talento e solo il talento premia sempre. Sanremo è stato solo un trampolino di lancio e quando tutti lo davano per finito, ha dimostrato che puoi fare tutti i talent del mondo ma vai avanti solo se la musica la ami davvero. Tony è la testimonianza di quanto la determinazione e la passione possano fare di più di quanto può fare “un’ospitata” nei salotti TV a lamentarsi di come la musica ormai sia stata snaturata.
Grazie Tony per non averci abbandonato, per aver dimostrato le tue doti di autore e per essere tornato con un album che rappresenta quanto tu stesso sia UNO SPETTACOLO. 

 

28827844_10159999107625004_8549744828578535611_o.jpg

 

Ciao Tony che piacere ritrovarti qui, per giunta per parlare del tuo album. 
Ciao a tutti, è sempre bello tornare qui! Sono molto contento di come stanno andando le cose.

Da dove nasce il titolo “Spettacolo”?
Non poteva esserci titolo diverso, rappresenta gli alti e bassi della vita, i momenti di pausa, quelli di luce e meno luce. E’ come se fosse uno spettacolo quotidiano ricco di storie, in questo caso rappresentate dalle diverse tracce dell’album.

Ti sei ispirato a qualche influenza in particolare durante la scrittura dell’album?
Ascolto tutta la musica con grande piacere, ma cerco sempre di rimanere “lucido” e basare tutto su quello che sento io dentro di me. Forse i grandi cantautori mi aiutano a seguire una linea più precisa per capire il messaggio che vorrei trasmettere e le emozioni che vorrei “regalare” a chi mi ascolta.

Sei anche un grande autore, anzi “L’AUTORE” di molti successi di cantanti come LAURA PAUSINI e FRANCESCO RENGA.
Scrivere per loro è stato stimolante, un processo creativo che mi ha aiutato a riprendere in mano quello che era il mio progetto iniziale. Non ho mai smesso di pensare alla mia musica, ho fatto tante esperienze e ripreso la consapevolezza di potercela fare. Scrivere per qualcuno come Laura Pausini è stato davvero favoloso, non potevo chiedere di meglio! La voglia di stare sul palco, però, era ancora molto forte e quindi ho cercato di unire i due percorsi e tornare sulla linea del progetto di partenza nato qualche anno fa.

Sei impegnato con molti in-store! Come sta andando questo giro di presentazione dell’album? Speriamo di vederti anche a Roma!
Sta andando davvero bene! Ho ritrovato tanti fan che mi seguivano dagli inizi, è stato commovente. Con grande sorpresa ho scoperto di avere nuovi fan giovanissimi che stanno iniziando solo ora a lasciarsi prendere dalla mia musica.
Gli in-store non sono finiti, chissà che non vi farò una bella sorpresa anche per Roma.