#4DOMANDE AI REZOPHONIC

Per offrire da bere a chi ha veramente sete.
www.rezophonic.com

 

31118515_10156476637831494_4296114473174827008_n.jpg

 

Come nasce il progetto Rezophonic?
E’ nato ben dodici anni fa! E’ nato dopo un’esperienza in Africa con la “Nazionale Artisti TV”, dove ho sperimentato io stesso “la sete”. E’ un progetto umanitario, grazie ai dischi e alle sensibilizzazioni fatte, è riuscito a portare 167 pozzi d’acqua e 15 cisterne di acqua pulita regalando la possibilità di un futuro migliore a chi ne aveva bisogno.

Il nuovo singolo ha un titolo molto forte, ovvero “MayDay”…
L’idea del titolo è nata dalla voglia di parlare di chi si lamenta sempre e critica continuamente dell’operato dell’altro. Nella vita c’è sempre chi fa e chi critica, almeno noi Rezophonic vorremmo regalare sorrisi e speranza mettendoci la faccia.

Il singolo sta avendo molto successo, ci sarà un album?
Siamo molto impegnati nella promozione del video, m ci sarà un album certo. Vogliamo valorizzare al meglio il nostro lavoro, lavorando un singolo per volta e continuare sulla nostra linea di costruire pozzi d’acqua e regalare sorrisi. Il progetto Rezophonic è basato su qualcosa di più del semplice “promuovere musica” per arrivare chissà dove, ogni dettaglio è importante per raggiungere uno scopo umanitario.

Dov’è possibile seguire tutti i vostri progetti?
Fortunatamente aggiorniamo sempre la nostra pagina Facebook
https://www.facebook.com/rezophonic/. Qui avrete modo di seguirci e di informavi sulle date delle diverse serate estive dove presenteremo la nostra musica e vi aggiorneremo sull’andamento del progetto umanitario.