Gli “Eradius” pubblicano l’omonimo debut album

Diamo il benvenuto a Richard Dylan Ponte (Voce/Basso) ed Edoardo Gomiero (Batteria), che ci racconteranno l’uscita del loro nuovo progetto musicale e com’è nato il progetto “Eradius”.

 

28423317_1922662967775507_4296854762611828057_o
Ciao ragazzi, benvenuti su One&Only. Quando è iniziato il vostro percorso? Com’è nato?Ciao grazie a voi per lo spazio dedicatoci. Il progetto Eradius nasce nel 2016, ma noi ci siamo incontrati molto prima, suonando assieme nei Triple Rock, un trio blues rock’n’roll ancora in attivo. Volevamo entrambi iniziare a scrivere musica originale, e trovandoci in accordo sul genere e sull’intenzione che doveva avere la nostra musica è stato un processo naturale e spontaneo. La formazione deriva un po’ dalla poca voglia di aspettare di trovare altri componenti idonei, un po’ perché ispirati dagli allora debuttanti Royal Blood.

Descrivete il vostro genere citando tre canzoni famose.
Hysteria (Muse), Testify (Rage Against The Machine), Lazaretto (Jack White)

Di cosa parla il vostro album di debutto?
Il tema che collega la maggior parte delle canzoni è la protesta contro tutto ciò che ci sembra sbagliato nella società odierna: politica, religione, ambiente, social network, ecc… Non è nostra intenzione però metterci in cattedra e spiegare “come si fa”, ma piuttosto è un “apri gli occhi, così non va”.

Cosa,secondo voi,rende il vostro progetto accattivante?
La resa live nonostante la scarsità di strumenti è sicuramente un punto a nostro favore, perché suscitiamo curiosità, anche se non siamo certo il primo duo rock della storia (oltre ai già citati Royal Blood, Death From Above 1979, Paris Monster, ecc…). Poi musicalmente parlando, Eradius è il risultato di diverse influenze, diversi ascolti e diversi studi. Singolarmente abbiamo avuto a che fare con differenti generi e quando componiamo non precludiamo nulla.

Quali sono i vostri progetti futuri?
Vorremo continuare a viaggiare e portare la nostra musica più lontano possibile, già superare le alpi per noi sarebbe un enorme traguardo.
Poi stiamo già lavorando al secondo album.
Vogliamo continuare a crescere e a imparare, e vogliamo continuare a sorridere sul palco.

Dov’è possibile seguirvi?
Siamo su Facebook, Instragram, Twitter e Youtube, mentre per ascoltare o acquistare la nostra musica siamo su Spotify, iTunes, Deezer, Amazon Music, Google Play, ma ovviamente è meglio se si viene ai nostri concerti!!