L’amore e tutte le sue sfumature

 

22050323_1444437128938948_559633368787659536_n

 

Con l’ultimo album di Amato Scarpellino intitolato “Il capitano”, riusciamo a comprendere tutte le sfaccettature dell’amore a pieno, poichè viene raccontato in ogni sua più piccola sfumatura. Leggiamo, quindi, questa intervista intensa e piena di sentimenti.

 

D: Come nasce la tua passione per la musica?

R: Mia nonna da quando ero piccolo mi ha sempre fatto ascoltare musica, cantando con lei è nata questa passione.

 

D: Nel tuo ultimo disco intitolato “Il capitano”, attraverso i tuoi brani ci racconti le varie sfaccettature dell’amore. Ti va di raccontarci meglio di queste sfumature?

R: Mi piaceva parlare dell’amore: da una storia appena iniziata, ad una purtroppo finita, e soprattutto dell’amore verso i nonni. Abbiamo cercato di raggruppare l’amore in 360 gradi cercando di unirlo in un unico cd.

 

D: C’è un brano a cui sei più legato e perché?

R: Il brano per eccellenza è “Il capitano”, che ho dedicato a mio nonno e a tutti i nonni in generale. Un’altra che mi piace si intitola “E ti ritrovo qua”, che parla di una relazione d’amore finita. Il protagonista all’inizio non si dà pace, ma poi si rende conto che dopo una fine c’è sempre un inizio.

 

D: Qual è il messaggio che ti piacerebbe lanciare con questo disco?

R: Il messaggio che mi piacerebbe lanciare è di non arrendersi mai. Io vengo da tanti anni di gavetta, che non è ancora finita, però sono riuscito a produrre un mio disco anche se autofinanziato, ma è un bel passo in avanti. Mi piacerebbe, inoltre, spingere la gente a credere nell’amore che è un sentimento che ci rende sempre vivi.

 

D: Quale vorresti fosse il pensiero di una persona dopo che ha ascoltato la tua ultima produzione?

R: Vorrei si provasse una sensazione di benessere e forza, e trasmettere un messaggio positivo attraverso la mia musica.

 

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?

R: Concerti in giro per l’Italia, promozione del disco e speriamo di arrivare ad una etichetta discografica importante che mi dia la possibilità di farmi conoscere da un pubblico sempre più vasto, arrivando magari a fare concerti come i più grandi cantanti.

 

 

13321703_1231796696831372_1780537273554480261_nManuela Ratti nasce il 1 settembre a Bari nel 1994. E’ appassionata di scrittura e musica, e le piace trasportare queste emozionali trasformandole in qualcosa di condivisibile, sperando di poter donare un emozione o una bella sensazione a chi la legge.