Musica è amore

Oggi conosceremo un musicista che in tutta la musica trasmette il suo amore, la sua passione e la sua dedizione, arrivando a creare un suo stile totalmente unico e riconoscibile.

Lui è Franco J Marino, conosciamolo meglio in questa intervista.

23031622_1628447373874293_5828392481263658844_n

D:  Ciao Franco! Come nasce la tua passione per la musica?

R: Ciao,  credo sia un dono, ci si nasce. Per poter scrivere devi essere sempre con la mente e col cuore rivolto alla bellezza.

Poi diciamo che la costanza, il carattere e lo studio legato alla ricerca completano quello che si può definire il talento.

D: Come nasce la tua idea di fondere le sonorità latine ad un testo più napoletano?

R: L’idea è nata spontaneamente; sentivo il bisogno di mettere le “ruote” al mio modo di scrivere che predilige la melodia e le parole. Ispirato da una frase di Pina Bausch “danziamo altrimenti siamo perduti”, ho capito che la gioia e la sofferenza possono danzare e così ne parlai con il maestro Malavasi che subito ne intuì il percorso; stavamo a tavola e cominciammo a improvvisare su un mio brano da poco scritto, un ritmo eseguito con le forchette e il legno del tavolo. Inconsapevolmente stavamo dando luce al Tamuè, una chiave ritmica insolita da noi creata e che sposa i ritmi latini con le mie radici partenopee.

D: Il tuo ultimo singolo si intitola “Tamuè”. Ti va di raccontare qualcosa in merito?

R: Tamuè è un neologismo da me inventato che rappresenta un concept, una visione,  un viaggio con la mente a sud; è una danza leggera, elegante.

Tamuè è una danza liberatoria, è un inno alla bellezza, alla femminilità. E’ un ritmo che ha in se gli elementi del sound latino e napoletano, infatti la “uè” finale rappresenta la tipica espressione napoletana della commedia dell’arte e del costume della vita di tutti i giorni. Abbiamo girato il video proprio nell’isola di Procida, un amore per questa terra condiviso con il maestro Malavasi, perché l’idea, in embrione, è nata proprio qui durante le vacanze di Pasqua 2017.

Uno scenario meraviglioso che secondo me è il posto più naturale per rappresentare il Tamuè.

Tamuè è un quadro d’autore e ciò sarà ancor  più esplicito con l’arrivo dell’intero progetto che uscirà tra qualche mese.

D: Qual è la sensazione che vorresti donare a chi ti ascolta?

R: Sicuramente il sogno, evadere con la mente dallo stress che ci attanaglia per viaggiare verso sud, la leggerezza, la bellezza, il profumo dei fiori di limone.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?

R: Completare l’album e preparare il live, suonare, cantare, inventare!

 

 

13321703_1231796696831372_1780537273554480261_nManuela Ratti nasce il 1 settembre a Bari nel 1994. E’ appassionata di scrittura e musica, e le piace trasportare queste emozionali trasformandole in qualcosa di condivisibile, sperando di poter donare una bella sensazione a chi la legge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...