Fabio Biale:” Mi facevano suonare per tenermi occupato,non sapevano che avrebbero creato un mostro!”

Ho avuto modo di fare quattro chiacchiere con Fabio Biale, un artista sorprendente.
A testimoniare la sua bravura non ci sono solo brani eccezionali, ma soprattutto svariati premi da parte della critica musicale.

Ciao Fabio! Benvenuto su One”Only e congratulazioni per i svariati premi ricevuti dalla critica musicale! Quando hai iniziato ad appassionarti alla musica?

  • Ciao Federica, piacere mio! E’ una passione nata prestissimo, mio nonno mi prendeva in braccio e mi faceva ballare per ore. Il primo strumento che ho incontrato è un harmonium che un cugino di mio nonno teneva in casa, mi facevano suonare per tenermi occupato e poter chiacchierare tranquilli. Non sapevano che avrebbero creato un mostro! Era l’estate dei miei cinque anni, tornato dalle vacanze ero ben deciso ad iniziare a suonare.

 

17358499_811950982286848_7106047407926193805_o      Come descriveresti la tua musica?

  • La mia musica nasce dal legame profondo tra le varie esperienze musicali e l’utilizzo del violino.Sono cresciuto col violino in mano. Non ho memoria di un prima; avevo sei anni e neppure la chiara coscienza di cosa significasse fare musica. Ho studiato tanti stili: classica, swing, musica tradizionale italiana e celtica, pop, rock, tenendo fermo l’obiettivo di trovare un mio linguaggio rispettoso di tutti gli stili. A un certo punto mi sono accorto che tutti queste esplorazioni avevano creato nelle mie orecchie un’estetica personale; farla diventare musica e canzoni nuove è stata prima una tentazione e poi un’esigenza.

 

 

“Si però non eri qui” è il titolo del tuo singolo. Quali sono i temi principali e soprattutto c’è un destinatario ben preciso?

  • Mia moglie è rimasta in vacanza ed io sono dovuto rientrare a casa per ripartire per un giro di concerti. Rimango una notte a casa da solo: vorrei approfittarne per una notte brava ma al contrario mi faccio aggredire dalla malinconia e resto sveglio, insonne, a casa a sentire la sua mancanza. Tra le 5 e le 7 del mattino nasce questa canzone d’amore, malinconica e leggerissima come una notte di fine agosto.Come dire: stasera sono solo seduto sul letto perché mi manchi e allora ti canto una canzone, la prima che mi viene in mente, con le parole e la musica più chiara e diretta che ci sia.

 

 C’è una collaborazione in particolare che vorresti fare?16508614_785892314892715_7453079240327892136_n

  • La collaborazione è una delle mie fissazioni. Da esse nascono sempre nuove visioni e nuovi stimoli. In Italia ci sono molti artisti che stimo con cui mi piacerebbe lavorare, mi incuriosiscono Morgan, Cremonini, Dolcenera, Gazzè, Silvestri. Hanno un mondo sperimentale ma estremamente melodico sul quale mi piacerebbe tentare la carta del mio cantautorato e del mio violino.

 

Dove sarà possibile ascoltarti?

  • Il tour è partito da Savona con la data numero 0 l’11 marzo. Il resto del programma è in via di definizione e sarà presto pubblicato sul mio sito www.fabiobiale.com e sui miei canali social. Il disco, invece, si trova in versione fisica su www.fabiobiale.bigcartel.com oppure in versione digitale, con contenuti extra, negli store digitali.

E’ stato un piacere averti qui, ti auguro il meglio. A presto Fabio!

  • Piacere mio cara Federica, a prestissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...